Alla scoperta delle isole Seychelles

L’arcipelago delle Seychelles è una destinazione consigliata a tutti i turisti che desiderano scoprire un mondo completamente diverso a quello a cui sono abituati: non solo per la bellezza dei paesaggi, ma anche per lo stile di vita dei residenti del posto, che invita a riflettere sul modo in cui passiamo le giornate noi rappresentanti della società occidentale.

L’isola di Mahè

Punto di partenza privilegiato per una vacanza alle Seychelles è l’isola di Mahè: una tappa iniziale obbligata, visto che è qui che si trova l’aeroporto internazionale. In genere si è soliti visitare in modo frettoloso Mahè, considerandola come un punto di passaggio in vista di altri isolotti più piccoli e più tranquilli: in realtà anche qui le location splendide pullulano, e può essere un’idea intelligente quella di prendere un’auto a noleggio per recarsi in spiaggia o per muoversi in città. La capitale dell’arcipelago si chiama Victoria: è di dimensioni piuttosto ridotte, ed è per questo che la si può visitare nel giro di un paio di ore. Vale la pena di visitare il mercato che si tiene al mattino, per comprare un po’ di cocco o di mango da mangiare in spiaggia o per acquistare delle spezie da riportare in Italia.

Le spiagge

Tra le spiagge più gradevoli di Mahè merita di essere menzionata senza alcun dubbio quella di Petit Anse: certo, se non si ha la macchina può risultare complicato raggiungerla, ma proprio per questo si può essere certi di non trovare troppi turisti nei dintorni. Dopo aver lasciato l’auto all’Anse Soilei Cafè, è sufficiente passeggiare per una ventina di minuti per giungere in questo lido caratterizzato da una sabbia davvero bianca. Sempre a piedi si può arrivare ad Anse Major, apprezzata da tutti coloro che praticano lo snorkeling, grazie alle acque cristalline del mare e ai tanti pesci colorati che vi nuotano.

La natura

Il Parco Nazionale Morne Seychelles, sempre sull’isola di Mahè, è un esempio sensazionale di natura incontaminata: passeggiando lungo i suoi sentieri ci si imbatte in panorami spettacolari senza correre il rischio di essere punti dagli insetti o di incontrare animali pericolosi. Per quel che riguarda il clima, non bisogna dimenticare che ci si trova su un’isola tropicale: ciò vuol dire che non è raro che ci sia il sole in un punto e piova in modo abbondante a poche centinaia di metri di distanza.

L’isola di Praslin

Da Mahè ci si può spostare verso l’isola di Praslin: salendo a bordo di un catamarano veloce ci vuole poco più di un’ora di navigazione, mentre in aereo ce la si cava in un quarto d’ora di volo. Attenzione, però: chi soffre il mal di mare dovrebbe preferire la seconda opzione, dal momento che le acque dell’Oceano Indiano non sono sempre così tranquille. A Praslin si può scoprire la noce di cocco più grande e più pesante del mondo, che nasce e cresce solo alle Seychelles: si tratta del coco de mer, dalla forma a dir poco bizzarra. Per spostarsi su questa isola, si può valutare l’opportunità di prendere una bici in affitto, magari per raggiungere la spiaggia di Anse Lazio, con la sua sabbia candida. 

L’isola di La Digue

Anche l’isola di La Digue è tra le più belle, dal punto di vista cromatico e scenografico, di tutto l’arcipelago: per arrivarci da Preslin ci vogliono appena quindici minuti di navigazione. Un ambiente davvero naturale, con pochissime macchine in circolazione e tante bici: Petite Anse, Grand Anse e Anse Source d’Argent sono le spiagge da visitare.

Cosa bisogna sapere

Alle Seychelles le spine e le prese elettriche sono del tipo G, come quelle inglese: per questo è opportuno dotarsi di un adattatore. Per quanto concerne i pagamenti, chi usa gli euro deve fare i conti con un cambio sfavorevole: per questo è bene avere a portata di mano le rupie, cioè la moneta del posto. 

Scopri di più sulle Seychelles e sui villaggi turistici in cui puoi soggiornare sul nostro blog di viaggi: igvblog.it

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Articoli