Focene e la notte dei vandali, si contano i danni

“Noi non vorremmo che gli sforzi compiuti da volenterosi cittadini per sottrarre il parco di via dei Dentali dal degrado fossero destinati a fallire a causa dei rinnovati attacchi dei soliti irriducibili teppisti. Ragazzi troppo ignoranti per comprendere che dovrebbero curare piuttosto che distruggere l’unico giardino e luogo di aggregazione pubblico in tutta Focene”. È stato questo l’appello lanciato dal “Nuovo Comitato Cittadino Focene” dopo che i vandali avevano preso di mira prima i posacenere che gli stessi volontari cittadini avevano messo e poi i lampioni. “I cittadini – ha detto il Comitato −  stanno facendo la loro parte e da quattro mesi si occupano di aprire e chiudere, puliscono e sistemano però è assolutamente urgente e necessaria l’installazione delle telecamere prima che si verifichino altri fregi”. E altri sfregi ci sono stati, nella notte tra sabato e domenica. Infatti ad essere stato preso di mira è stato l’armadietto dove i volenterosi cittadini tenevano il necessario che serviva per tenere pulito e in ordine l’area verde. Nella stessa notte sono state danneggiate delle auto in sosta su via dei Dentali e in più dei cittadini si sono accorti che la porta della scuola, quella che si trova sotto le scale di emergenza, ed hanno immediatamente chiamato i Carabinieri. Altri cittadini hanno udito delle urla come se fosse scoppiata una rissa tra giovani, ma hanno avuto paura di affacciarsi dalla finestra. Insomma, è stata una nottataccia per Focene.
“Questa – fa notare Manlio Introno , presidente del “Nuovo Comitato Cittadino Focene – è la bravata di sabato notte. Non so quanto l’educazione familiare possa condizionare o rientri in questo comportamento. Certamente questi ragazzi non hanno ricevuto, o capito, il valore civico e il rispetto per la cosa pubblica e per il prossino”.

More:

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Articoli