Fiumicino, poesie e sonetti per coprire le svastiche

Ignoti la scorsa notte hanno tappezzato Fiumicino di manifesti bianchi con stampati sonetti di Giacomo Leopardi, William Shakespeare, Sandro Penna e Giuseppe Ungaretti.

Affissi su muri, pali, alberi di varie strade e sulla passerella pedonale sul Tevere. Molti sono stati utilizzati per coprire precedenti scritte con simboli di Forza Nuova e svastiche.

More:

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Articoli