Erriu e Bellomo (Forza Italia): garantire maggiore sicurezza a Parco Leonardo

A seguito dell’incendio, avvenuto ieri mattina, ai danni del ristorante Desco, Parco Leonardo torna a far parlare di sé.

“Ormai − commenta Emilio Erriu, vicecoordinatore di Forza Italia Fiumicino − sul quartiere sono puntati i riflettori da molti mesi e dopo quest’ultimo episodio, sul quale sono in corso gli accertamenti, continuano le riflessioni inerenti al tema sicurezza e qualità della vita di un intero quartiere. A Parco Leonardo è necessario sia garantita una maggiore sicurezza.

I residenti e chi frequenta la zona per lo shopping ed il tempo libero, hanno il diritto di sentirsi al sicuro.

È impensabile che episodi di microcriminalità, tra furti, risse e danni alle auto, mettano a rischio l’incolumità delle persone. Da troppo tempo, i residenti, in particolare, lamentano una grande situazione di disagio. L’Amministrazione  ha il dovere di adoperarsi immediatamente, affinché venga garantita la sicurezza e la repressione di tutti i fenomeni criminosi”.

“L’ultimo episodio di violenza – sottolinea M.Rosa Bellomo, referente Forza Italia Fiumicino per Parco Leonardo − ai danni di un minore registrato sabato 15 febbraio a Parco Leonardo, nel quale è stato aggredito gratuitamente un ragazzo, interessa particolarmente i genitori degli adolescenti residenti.

Il Centro Commerciale, le piazze, i parchi, le scuole, la Parrocchia, le strade, per i residenti di Parco Leonardo, sono un’estensione delle proprie abitazioni.  Questo clima rende insicuri i residenti.

Stiamo parlando di luoghi in cui, per forza di cose, si trascorre del tempo ogni giorno e tra quegli spazi si crescono i nostri figli. Con questo mio intervento  senza fastidiose e sterili polemiche e strumentalizzazioni, non voglio elencare le carenze o le tante problematiche, di cui già largamente si scrive, né proporre soluzioni.

Voglio però invitare tutti ad un dialogo costruttivo con l’Amministrazione locale, il Sindaco ed i suoi Delegati alle politiche giovanili, alla cultura ed alla scuola, le associazioni, i comitati, il Garante per l’infanzia e l’adolescenza affinchè si possa seriamente aprire un tavolo di discussione comune, finalizzato ad un’azione che segua un programma di interventi mirati con priorità. Ho, soprattutto a cuore, oltre alla sicurezza, anche l’educazione, l’istruzione, la cultura e la gestione sana del tempo libero dei nostri ragazzi.

Bisogna lavorare sulla prevenzione piuttosto che ritrovarsi ad intervenire a fatti avvenuti. I giovani sono gli adulti di domani: bisogna formarli in un ambiente sano se vogliamo siano abili costruttori di un futuro migliore”.

Iscriviti alla Newsletter

Archivio Articoli